C'è una sola tesi di fondo nella considerazione che la “cultura del fare”, intesa come capacità di produrre “design creativo”, unita al “saper fare”, continua oggi, come in passato, ad essere una prerogativa azione della manifattura italiana, che definisce una specifica eccellenza che contraddistingue, qualifica e promuove nel mondo il “made in Italy”.